Lustrini botti luci bollicine

Lustrini botti luci bollicine per le feste

Lustrini botti luci bollicine per le feste di fine anno e, come ogni fine anno, ci sarà il boom dei consumi di spumanti e champagne: le bollicine la fanno da padrone!

Lustrini botti luci bollicine -

Lustrini botti luci bollicine –

Personalmente ho la sfortuna di celebrare l’inizio dell’anno e il compleanno insieme, così non mi resterebbe neppure un altro giorno in cui brindare fuori del periodo delle feste di fine/inizio anno! In realtà spumanti, prosecco e champagne mi sono molto graditi perciò l’aperitivo, il piatto particolare o semplicemente per la voglia del momento mi ampliano sicuramente il periodo-bollicine a 365 giorni. Come ogni anno Discovery Trip stilla una lista di bottiglie che possono rendere più graditi i brindisi di Natale, Fine-Inizio Anno (si può brindare comunque anche all’Epifania)  scelti sulla base di preferenze personali: scelgo normalmente i brut, i dosaggio zero, possibilmente i blanc de noir cioè con una base di uvaggio bianco e del Pinot Nero o Meunier, il Rosé o addirittura il noir de noir cioè uve nere vinificate in bianco perché sono tutti più di corpo. Poi naturalmente apprezzo e degusto anche altre vinificazioni ma queste sono sicuramente le miei preferite e, in ogni caso, i produttori delle bottiglie consigliate hanno quasi sempre altre bottiglie altrettanto buone prodotte con altri uvaggi.

Incominciamo da uno champagne di un produttore declinato al femminile, porta il nome della nonna della proprietaria Florence Guyot, Marguerite e “Petales d’Emotions” è il motto: da una “perla” si aprono i petali, come da una passione secolare di famiglia fiorisce uno Champagne. Marguerite Guyot fonda le sue radici nei vitigni di Damery, terra di antica tradizione champenoise. Una gamma di Cuvées originale, caratterizzata da una personalità raffinata ed elegante che si riflette in una veste creativa, ispirata all’armonia della natura ed alla sensualità della donna, come nella visione poetica di Alphonse Mucha e dell’Art Nouveau. Una sinfonia di sensazioni, che si fondono in uno Champagne unico, per un viaggio attraverso le varie culture e colori del mondo, in un atmosfera di allegria e conviviali. Quello che ho scelto è uno champagne particolare  la Cuvée ‘Desir”, 100% Pinot Meunier (non abituale in purezza), almeno 3 anni sur le lies, dosaggio molto basso del liqueur d’expedition per non coprire le note varietali tipiche. Al naso  non poteva non riportare il profumo di frutti rossi come la prugna, così pure in bocca con ancora più evidenza, note agrumate e una freschezza vivace unita a piacevole mineralità. Ideale con le ostriche,  oppure con antipasto con un foie gras e un chutney di frutta, ma anche su altri piatti di pesce e o di carne. Distribuito in Italia da: www.alservini.eu

Lustrini botti luci bollicine - CHAMPAGNE MARGUERITE GUIYOT

Lustrini botti luci bollicine – CHAMPAGNE MARGUERITE GUIYOT

Il Trento doc vanta eccellenze notevoli, proibito dimenticare il Giulio Ferrari Riserva del Fondatore così descritto “Fastose suggestioni scaturiscono dal corpo cremoso e vellutato, con fragranze di miele di acacia accompagnate a note di frutta esotica. L’invecchiamento ultradecennale sui lieviti conferisce un finale di gran complessità, che colpisce per eleganza e freschezza.”. Ma è vasta la scelta anche degli altri produttori e noi abbiamo scelto quest’anno Endrizzi e i suoi Riserva millesimato 2012 Piancastello e il Masetto Privé dosaggio zero Riserva 2008. È nel vigneto Pian di Castello, uno dei pochissimi in Trentino strutturato come un autentico clos, circondato da boschi e allevato a guyot da oltre 30 anni, con viti di Chardonnay e Pinot Nero provenienti dalla Champagne, che nascono i migliori Trento doc della casa. Noi abbiamo degustato il Riserva Millesimato 2012, Chardonnay 60%, Pinot Nero 40%; maturazione sui lieviti oltre 36 mesi; nel bicchiere si presenta con perlage fine e persistente, giallo paglierino brillante; profumi eleganti in un bouquet gradevole che comprende  frutti, crosta di pane, agrumi e nota di vaniglia; in bocca fresco, morbido e di corpo, lungo con note di frutta bianca. Il secondo campione di casa Endrizzi è il Masetto Privé  Riserva 2008, 100% Chardonnay coltivato in vigneti tra 400 e 800 metri s.l.m., il vino base viene affinato in legno e acciaio, messo in bottiglia a giugno per la presa di spuma, affinamento sui lieviti per almeno 7 anni o 84 mesi come scrivono sulla bottiglia nr. 0473 di 1500, dosaggio zero; all’occhio un bel giallo dorato unito al perlage finissimo e continuo; profumi complessi che comprendono spezie, frutta candita e miele, liquirizia e note resinose; in bocca si apre con freschezza e grande eleganza, complesso e pieno, lungo il ricordo che lascia in bocca. http://www.endrizzi.it/it/vini-trentino/trento-doc/

Lustrini botti luci bollicine -endrizzi

Lustrini botti luci bollicine -endrizzi

Un altro Trento doc è il Salisa di Villa Corniole, di cui abbiamo già parlato e di cui sarà difficile trovare ancora in commercio qualcuna delle 500 bottiglie del Brut Dosaggio Zero uscito da poco in anteprima. http://www.villacorniole.com Non è più un Trento doc perché le uve sono coltivate in Trentino ma la lavorazione in cantina è fatta nel confinante Veneto, lo spumante “transfrontaliero” di Antico Fenilon. Un altro dosaggio Zero, edito in pochissime bottiglie da questi autentici produttori amatoriali, che si avvalgono della collaborazione di un giovane e bravo enologo, Matteo Stella. Da uve Chardonnay, pressatura soffice, fermentazione a temperatura controllata con lieviti selezionati.  In primavera il tirage della cuvée. 36 mesi sui lieviti. Alla degustazione questo pas dosé si presenta giallo paglierino con nota dorata, brillante; perlage turbolento ma finissimo e continuo, con schiuma persistente; al naso agrumato  e fiori di campo, note d’ananas, finale balsamico e lontana mandorla.                      http://www.anticofenilon.it/vino_spumante.htm

Su un muro della zona del prosecco era apparsa una scritta: “Viva il Prosecco Abbasso lo Champagne” e l’orgoglio dei produttori è cresciuto negli anni fino al sorpasso del rivale champagne come numero di bottiglie vendute all’estero, ben 320 milioni di bottiglie contro i 307 milioni di quelle di champagne! Anche per questo non può mancare la proposta di un ottimo prosecco come lo Zero di Duca di Dolle D.O.C.G,  Superiore di Cartizze Extra Brut. Un Cartizze anomalo, sorprendente, affascinante, sincero: con 5 gr/litro di zucchero residuo non imprigiona nella caratteristica dolcezza del Cartizze profumi e aromi che, floreali e fruttati, lasciano nel naso e in bocca piacevoli, ampie note tipiche di mela verde e glicine. www.ducadidollewinery.com

Lustrini botti luci bollicine - zero

Lustrini botti luci bollicine – zero

Di questi tempi una nuova categoria di produttori e di affezionati consumatori è quella del vino “naturale”, purtroppo visto spesso come naturale a prescindere dalla qualità organolettica. Questo spumante, descritto da un aficionados come “il miglior spumante italiano” è il Vesna Nature prodotto da Stefano Milanesi eno artigiano, azienda biologica situata sulla prima fascia collinare dell’Oltrepo Pavese che si alza sulla pianura padana. I vigneti si trovano a un’altitudine tra i 170 e i 280 metri s.l.m.. L’area gode di un microclima ideale per il Pinot Nero e il Vesna è un metodo classico da Pinot nero 100% vinificato in bianco, pressatura soffice e lenta delle uve intere in torchio da vinacce in modo da estrarre solo il mosto fiore che non subisce decolorazione e non viene chiarificato. Permanenza sulle fecce di fermentazione fino al momento del tirage. Nessuna filtrazione. Permanenza sulle fecce nobili per almeno 12 mesi. Nessun dosaggio. All’occhio  giallo paglierino; perlage minutissimo, ordinato, continuo; nel naso profumi eleganti di lieviti, fiori e erbe aromatiche, minerale; in bocca ampio ed elegante, fresco, sapido e con una sorprendente piacevole acidità, lungo retrogusto con nota minerale. http://www.stefanomilanesi.com

Lustrini botti luci bollicine -puro-movia

Lustrini botti luci bollicine -puro-movia

Uno spumante borderline il Puro di Movia, Brda sloveno, prodotto da quel geniale visionario di Aleš Kristančič, “Chardonnay 60%, Ribolla 40%. Vendemmia tardiva, a mano, con tempi brevissimi fra la vite e la fermentazione di massimo due ore. Avvio della fermentazione con lieviti naturali, selezionati dalla stessa uva raccolta in prevendemmia (5%). Macerazione di un giorno, per estrarre il colore delicato. Poi si procede con la pressatura delicata, a vuoto e il mosto che è già in fermentazione viene messo nelle barrique. Così nasce il vino base, senza traviasi e aggiunte di nessun tipo di prodotti chimici o conservanti. Dopo 4 anni di maturazione nelle barriques, il vino compie tutti i processi naturali e diventa sano e stabile, naturalmente preparato per durare una nostra vita.  Poi abbiamo riunito tutte le botti nella vasca grande, dove abbiamo aggiunto il piede della fermentazione, preparato molto accuratamente con il mosto dalle stesse viti , che rappresentano il vino base. All’incontrario del metodo classico, non abbiamo utilizzato lo zucchero e i lieviti selezionati per la rifermentazione in bottiglia, ma semplicemente il mosto con i suoi lieviti e con il suo mondo batteriologico vivo. Il vino maturo comincia a fermentare in bottiglia e cosi nasce il nostro Puro. Così il vino con i suoi lieviti naturali vive fino alla fine in bottiglia, non invecchia ed è senza conservanti. Effetivamente non è cosi pratico….” Non è così pratico e vi alleghiamo il link del filmato che descrive come aprire la bottiglia ed effettuare il dégorgement, non capita tutti i giorni ma è sicuramente un plus per questo spumante che si presenta all’occhio con leggera nota rosata, perlage minuto; al naso mineralità, frutti rossi; in bocca un insieme di fresco, di piacevolmente secco e di minerale, ottimo corpo e lungo.

https://www.youtube.com/watch?v=nUbaqbgMab8  http://www.movia.si/it

Concludiamo con uno champagne di un grande produttore come il Bollinger Aÿ, Champagne Grande Année 2005 – 60% Pinot Nero, 40% Chardonnay – prodotta con le migliori uve classificate Premier e Grand Cru: 23 Crus, di cui il 71% di Grands Crus e il 29% di Premiers Crus – fermentazione in rovere, conservazione dei vins de réserve in magnum, lunga maturazione sui lieviti per non meno di 6 anni prima del rémuage e del dégorgement rigorosamente manuali. Abbinamenti consigliati: Foie Gras, pesce alla griglia o in salsa, aragosta, arrosto di agnello o di vitello. Distribuito in Italia da: http://www.meregallivinoearte.com/it/  U.B.

Lustrini botti luci bollicine lga-2005-gift-box

Lustrini botti luci bollicine lga-2005-gift-box