OPERA tre bicchieri e ancora tre

OPERA tre bicchieri e ancora tre

OPERA tre bicchieri e ancora tre

Dopo i tre bicchieri del Gambero Rosso del 2016 per il Trento Brut Dosaggio Zero Opera; un nuovo prestigioso riconoscimento è stato riservato in questo 2017  dalla guida 2018 al Trento doc Opera Nature ’11 – Opera Vitivinicola in Val di Cembra

OPERA tre bicchieri e ancora tre

OPERA tre bicchieri e ancora tre

A Verla di Giovo, la cantina di Opera è frutto di un progetto architettonico di recupero ed ampliamento della cantina Napoleone Rossi, la più antica in Val di Cembra, fondata nell’800 e chiusa in anni recenti.

LA CANTINA

Opera Vitivinicola in Valdicembra nasce formalmente nel 2007 per iniziativa di Alfio Garzetti e Bruno Zanotelli, entrambi accomunati dalla passione per il vino e dal desiderio di valorizzare il proprio territorio di origine ovvero la Val di Cembra. Alfio Garzetti oltre ad essere uno dei soci fondatori gestisce oggi in prima persona la cantina, coadiuvato dagli Enologi Paolo Tiefenthaler e Mattia Clementi. Il marchio s’ispira alle diverse accezioni del termine “opera” in latino: lavoro, attività, opera, collaborazione; rappresenta inoltre l’acino d’uva ideale: ovvero il culto per la selezione delle migliori uve della Val di Cembra.

In una Val di Cembra in cui, sempre più, il vino di montagna si dimostra una realtà di successo, lo spumante ha un posto di rilievo. Il Trento doc Val di Cembra è frutto di due vitigni vocati per la produzione di ottimi Spumanti metodo classico. Chardonnay e Pinot Nero hanno trovato nella destra orografica della valle le condizioni migliori per ottenere ottimi vini di qualità, l’esposizione s sud/sud est, la ventilazione e l’escursione termica permettono di raccogliere uve con la giusta acidità e particolarmente adatte alla produzione del Trento doc. La valle è investita da venti che la percorrono per tutta la sua lunghezza: in autunno il fohn settentrionale, caldo ed asciutto, in inverno e primavera invece il fohn meridionale, caldo ed umido. La tramontana soffia nelle ore notturne. Tipico è il fenomeno delle brezze di monte e di valle.
Durante i mesi estivi la brezza di valle è rinforzata da “l’Ora del Garda” che rende asciutto il microclima locale conferendogli quel carattere che ben si presta alla coltivazione della vite.

La tradizione della vite in valle di Cembra vanta almeno tremila anni di Storia. Nel corso dei secoli, la tenacia dei contadini ha contribuito alla lenta e faticosa trasformazione di un territorio fortemente scosceso in uno dei paesaggi rurali montani di maggior interesse e richiamo. Probabilmente non esiste o è comunque raro in tutta la valle di Cembra un solo metro di vigneto in piano. Arditi terrazzamenti sostenuti da una ragnatela infinita di muretti a secco hanno conquistato spazi inesistenti, rubati alla verticalità delle ripe della montagna. Di circa 600 ettari è la superficie totale destinata a vite.

OPERA tre bicchieri e ancora tre

OPERA tre bicchieri e ancora tre

Trento doc Opera Nature ’11 si presenta all’occhio di un  giallo paglierino vivace, perlage ordinato e continuo. Al naso profumi fruttati e floreali con l’aromaticità tipica dell’uva, delicato sentore di lieviti e nota minerale. In bocca ampio e complesso con evidente mineralità, presenze di frutta secca e le note aromatiche dell’uva che ritornano, mentre si espande la piacevole acidità.

OPERA tre bicchieri e ancora tre

OPERA tre bicchieri e ancora tre

Il millesimato Nature riserva 2008 si ottiene da uve Chardonnay in purezza, vendemmia a mano. All’occhio paglierino brillante, perlage con spuma abbondante, fine e persistente. Nel naso profumi caratteristici di fiori e frutta quali mela golden, albicocca, nocciole tostate, lievito e minerale. In bocca ritorna prepotente il minerale, ottima acidità, lungo. Perfetto a tutto pasto.

OPERA tre bicchieri e ancora tre

OPERA tre bicchieri e ancora tre