una tradizione che arriva dal Medioevo

Una tradizione che arriva dal medioevo

Una tradizione che arriva dal medioevo Salumi Pasini lancia “Eccellenze Regionali dalla Lombardia” la nuova linea che valorizza le carni suine lombarde.

una tradizione che arriva dal Medioevo VERZINI

una tradizione che arriva dal Medioevo VERZINI

Tradizione ed eccellenza, sono questi i valori che guidano Salumi Pasini. L’azienda familiare con più di sessant’anni di esperienza nei salumi di alta qualità presenta per le Feste pasquali una pregiata selezione di prodotti: la linea “Eccellenze Regionali dalla Lombardia”. “È una vera scommessa in cui crediamo molto – afferma Andrea Pasini, Responsabile Commerciale del brand – Abbiamo voluto creare una linea che valorizzasse il nostro territorio lombardo e le sue carni”. “Abbiamo voluto spingerci oltre nonostante sia già un bel traguardo l’utilizzo di animali nati e allevati in Italia. Molte aziende, infatti, utilizzano impropriamente la dicitura “carne italiana” nonostante i suini siano nati all’estero e solo in un secondo momento allevati nel nostro Paese” sottolinea Filippo Pasini, Responsabile della Produzione.

Perché è tradizione mangiare salumi a Pasqua? E’ difficile individuare le esatte origini risalenti addirittura al Medioevo in cui la fine della Quaresima veniva festeggiata con salami o salsicce. Il maiale, per tradizione, veniva macellato dal 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, fino al 14 gennaio, festa di Sant’Antonio. Dalla lavorazione dei suini, insaccati in budelli naturali, si ottenevano salumi la cui stagionatura poteva variare da pochi giorni a diverse settimane. Il Carnevale, che rappresentava l’inizio del periodo di rinuncia alla carne prima del periodo quaresimale, si celebrava con prodotti freschi o che richiedevano una breve stagionatura mentre il giorno di Pasqua, fine del digiuno, veniva celebrato gustando tutti i tipi di salumi, anche quelli più stagionati. Tradizioni più recenti vogliono il lunedì dell’Angelo, la famosa Pasquetta, il momento ideale per consumare carne e insaccati durante le gite fuoriporta e i barbecue.

una tradizione che arriva dal Medioevo - Luganega alla brace

una tradizione che arriva dal Medioevo – Luganega alla brace

Per le Festività l’azienda ha selezionato con cura le migliori materie prime per i suoi prodotti freschi, stagionati, insaccati e cotti. Nelle case degli italiani e nei pic nic all’aperto non possono mancare la Luganega (insaccato fresco di carne di suino) in versione classica, piccante con peperoncino e paprika o con semi di nocchio, le Salamelle, tipiche delle grigliate tra amici, i Verzini, prodotti con lo stesso impasto della Luganega classica ma legati a mano in versione “salamini” e la Pasta di salsiccia, perfetta per un sugo saporito. In tutti i prodotti Salumi Pasini non sono presenti allergeni (sono quindi gluten free e senza lattosio), coloranti e OGM.

Salumi Pasini

L’azienda nasce nel 1949 da Angelo Pasini un imprenditore originario di Abbiategrasso. Nel 1957 il marchio si a accia alla Grande Distribuzione Organizzata con prodotti private label e negli anni Ottanta si specializza nella trasformazione di carni suine puntando sull’eccellenza delle materie prime. Negli anni ’90 l’azienda inizia la sua internazionalizzazione, grazie all’apporto di Filippo e Andrea Pasini, rispettivamente gli di Luigi e Giovanni e nel 2014 vede l’ingresso della prima donna della famiglia, Daniela Pasini che, insieme al fratello e al cugino, è promotrice della nascita del nuovo marchio “Salumi Pasini”. L’azienda consolida così la sua presenza sul mercato italiano ed estero grazie all’ecommerce, le attività di marketing e i social. Numerosi i riconoscimenti ottenuti tra cui, nel Maggio 2016, il Salumi&Consumi Awards come “Miglior campagna New Media 2015”.

http://www.salumipasini.com/

una tradizione che arriva dal Medioevo - Luganega_fresca

una tradizione che arriva dal Medioevo – Luganega_fresca