Barcolana, nuova area di regata

Categorie EN - DE - F, ENGLISH, SPORT
Barcolana-2010-©-U.-Bellò

La Società Velica di Barcola e Grignano, dopo il parere positivo della Capitaneria di Porto di Trieste e dell’omologa istituzione slovena, ha reso noto oggi il nuovo percorso della Barcolana, che verrà applicato già a partire da questa edizione, in programma il 13 ottobre 2013 alle 10. Tra le numerose novità, anche la pubblicazione – per la prima volta – delle coordinate geografiche delle boe.

IL NUOVO PERCORSO – Resta invariata la partenza unica – elemento che contraddistingue a livello internazionale la Barcolana – si accorcia il primo lato, cambia l’impostazione della rotta, si allunga la distanza tra la prima e la seconda boa. La BOA 1 e la BOA 2 sono state notevolmente spostate e non sono più una vicina all’altra: la BOA 1 ha lo scopo di indirizzare e focalizzare la rotta verso la BOA 2, il che significa che non vi saranno manovre radicali all’altezza della prima boa e gli equipaggi potranno passare anche “larghi”, evitando così la strettoia che facilita le collisioni, senza inficiare il risultato.

“La scelta di trasformare la BOA 1 in un invito verso la BOA 2, dove effettivamente si manovrerà per invertire la rotta – ha spiegato il presidente della Società Velica di Barcola e Grignano, Vincenzo Spina – è nata dalla volontà di sgranare il gruppo: modificare il primo lato significa dare il tempo e lo spazio agli equipaggi per trovare la propria rotta e il proprio assetto, preparandosi per tempo alla manovra”. Passata la BOA 1, gli equipaggi verranno messi in condizione di manovrare alla BOA 2 per invertire la rotta: la modifica del primo lato viene compensata con l’allungamento (circa un miglio in più) del secondo lato (BOA 1 – BOA 2). Il terzo lato viene leggermente accorciato: la BOA 3 verrà posizionata più al largo rispetto al passato, mentre l’arrivo, così come la partenza, saranno invariati. Lo spostamento della BOA 3 permetterà ai regatanti di avere, in caso di bora, una bolina più netta nell’ultimo lato e non una “bordata”.

LA NUOVA CLASSE CROCIERA – Da questa edizione, accanto alla classifica tradizionale, verranno premiati anche i primi tre scafi della nuova classe Crociera nell’ambito di ogni singola categoria, definita come da tradizione, sulla lunghezza fuori tutto. Il Trofeo Miramare premierà invece il primo scafo crociera della classifica assoluta (ordine di arrivo). “Tengo molto a questa novità – spiega il presidente Spina – L’obiettivo che mi sono posto, sin da quando sono diventato presidente della Svbg, era trovare un modo per dare valore ai tanti regatanti che con scafi non da regata partecipano alla Barcolana e sono il cuore di questo evento. Con una classifica dedicata a loro, porteremo alla luce le sfide, ormai quarantennali, tra i tanti equipaggi composti da esperti marinai, che curano la propria barca con tanta dedizione e vedono nella Barcolana la vera sfida popolare”. Definire la classe Crociera non è stato semplice: un comitato tecnico ci ha lavorato nel corso dell’inverno partendo dal regolamento di regata internazionale. Per far parte di questa categoria, la si dovrà segnalare, al momento dell’iscrizione alla regata, barrando l’apposita casella sul modulo di iscrizione: la certificazione crociera verrà automaticamente vagliata dal database delle iscrizioni, che ha già raggruppato gli scafi iscritti alle precedenti edizioni alla regata evidenziando quelli inseribili in questa nuova classe. Per i nuovi iscritti, e per dirimere eventuali situazioni dubbie, una commissione tecnica sarà a disposizione durante il periodo delle iscrizioni. Il comitato tecnico ha rilasciato anche una “formula fai da te” per capire se la propria barca può partecipare al raggruppamento Crociera, che sarà disponibile sul sito internet della Barcolana. I dati da conoscere, in relazione alla propria barca, sono la superficie velica in metri quadrati e il dislocamento in Kg.

GIURIA INTERNAZIONALE E COMITATO DI REGATA – Quest’anno, tra le tante novità, anche il rinnovo dei vertici della Giuria Internazionale e del Comitato di Regata; il ricambio segue anche l’avvicendamento nella Direzione sportiva della Società velica di Barcola e Grignano, guidata da questa edizione da Davide Favretto. A presiedere la Giuria internazionale è stato chiamato l’inglese David Brunskill, mentre il presidente del Comitato di Regata è il veneziano Adolfo “Dodi” Villani, giudice di regata internazionale e presidente della FIV del Veneto.

EN –

 The Società Velica di Barcola e Grignano, after the positive response of the Harbour Office of Trieste and of the same authority in Slovenia, has officially announced the layout of Barcolana’s new race course, that will be set up on 13 October 2013 at 10am.
Among the many news – for the first time – the geographic coordinates of the marks will be published.
THE NEW COURSE – The start along the same line does not change – the first leg is shorter, the route changes, there is a greater distance between the first and the second mark. Mark 1 and Mark 2 are wider apart: the purpose of Mark 1 is to direct and focus one’s route towards Mark 2 and this means that there won’t be any demanding manoeuvres at the first mark and crews will be able to pass far from the buoy, avoiding bottlenecks that can cause collisions, without affecting their final result.
The decision not to change direction immediately at Mark 1, which will happen only when rounding Mark 2 – explained president Spina – is aimed at spreading out the pack. When the boats pass Mark 1 they will be further apart and will thus be able to manoeuvre more easily at Mark 2 to change direction; as to the length of the course, the shorter first leg will be balanced by a longer (about 1 mile more) second leg (Mark 1 – Mark 2). The third leg is slightly shorter: Mark 3 will be set further off shore while the start and the finish will stay the same. The new position of Mark 3 will enable competitors, in case of Bora, to pinch the wind in the last leg“.
THE NEW CRUISING CLASS – An important change involves boats ranking: next to the traditional ranking list, from this year the first three cruising yachts in each category, according to the LOA, will receive a prize. The “Miramare Trophy” instead will be awarded to the first cruising yacht in the overall real-time ranking.
I really like this change – explained Mr.Vincenzo Spina – since I was appointed president of this sailing club, my aim has been to find a way to award the many cruising yachts that take part in the Barcolana because they are the heart of this event. With a ranking list dedicated to these boats, we will unveil many long-standing challenges between the crews consisting of expert mariners, taking care of their yacht with devotion and considering the Barcolana a true popular competition“.
Defining the Cruising class has not been easy: a technical committee worked during the winter to define the Cruising class, starting from the international Racing Rules of Sailing. In order to be included in this category, upon entering for the regatta, the skipper or boatowner shall mark the box on the entry form: this choice will be checked automatically on the entries database containing the data of yachts that took part in previous editions. A technical commission will be set up during the registration period to check new entries and solve any possible doubts.
The committee has prepared a do-it-yourself formula to find out whether the boat belongs to the Cruising class. It will be posted on the Barcolana website. The data needed are the sail area in square metres and boat displacement in kilograms.
INTERNATIONAL JURY AND RACE COMMITTEE – This year, the International Jury and the Race Committee leaders have changed too; there is also a new sport officer of the Società velica di Barcola e Grignano, Davide Favretto. This year, the president of the International Jury will be David Brunskill from the UK, while the Race Committee will be chaired by the Venetian Adolfo “Dodi” Villani, international race judge and president of FIV Veneto.
barcolana - area di regata
barcolana – area di regata