Cak Cak il sigillo di Aleš per la valutazione al top del suo vino.

Categorie FOOD & DRINK
Cak Cak il sigillo di Aleš ales6m_0

Cak Cak il sigillo di Aleš per la valutazione al top del suo vino.

Un suono omatopeico che Aleš Kristančič di Movia usa per definire la qualità finale di quei meravigliosi vini che produce: tutti i vini Movia devono essere “Cak Cak” per superare l’esame di Aleš!

La proprietà Movia data i suoi inizi nel lontano 1700. Soltanto dopo un matrimonio nell’anno 1820 diventa proprietà della famiglia Kristančič: ventidue ettari di terra,  metà in Slovenia, l’altra metà in Italia. Siamo in quella splendida zona vitivinicola che in Italia si chiama Collio e in Slovenia Brda e il giorno che abbiamo visitato Movia abbiamo raggiunto Ceglo percorrendo le strade tra i vigneti del Collio Goriziano e poi, senza accorgercene, abbiamo passato la frontiera con la Slovenia: stesso paesaggio, stesse viti, i paesi che incoronano le colline.

Cak Cak Puro movia-40_2
Cak Cak Puro movia-Aleš & Vesna

L’edificio che ospita Movia si sviluppa sul ciglio della collina e sovrasta i vigneti quasi pronti per la vendemmia. Siamo accolti da Tanja, simpatica e professionale collaboratrice di Movia, che ci fa accomodare ad un tavolo con vista  sul panorama baciato dal sole che è spuntato dopo una mattinata di pioggerella. Movia dispone di un ampio spazio dedicato proprio alla degustazione dei suoi vini, quando arriviamo oltre a Tanja ci sono il figlio di Aleš e una signora di Singapore che sta organizzando viaggi in zona con la visita alle migliori cantine vinicole. In seguito si sono presentati altri visitatori.

Cak Cak i.php
Cak Cak i.php

Quella che ci è stata offerta è stata una degustazione “cak cak”! Abbiamo incominciato con un vino che non ci è sembrato di conoscere tra quelli di Movia, la Malvazija 2017 (infatti è una new entry), poi di seguito Rebula 2016, Pinot grigio Ambra 2015, Veliko Belo 2011, Modri Pinot 2012, Veliko rdece 2003, Puro rosé 2010; dove “belo” è bianco, “modri” è nero e “rdece” rosso!

Cak Cak maxresdefault
Cak Cak maxresdefault

Tutti i vini di Movia sono particolari, Aleš dopo il liceo dove aveva studiato enologia, non ha potuto frequentare l’università per finire gli studi a causa di problemi di salute del padre, ma quello che aveva imparato al liceo e gli insegnamenti del padre, frutto dell’esperienza personale e di quella ereditata in famiglia, hanno sopperito agli anni mancanti d’università.

Cak Cak i.php
Cak Cak i.php

E quindi torniamo alla nostra degustazione cak cak ripartendo da questa Turno belo Malvasia 2017, 5333 bottiglie prodotte da un vigneto di un’estensione di 0,7 ha, viti di un’età media di 19 anni, terreno del classico Flysch del Collio con vene di marna e arenaria,  solita viticoltura biologica, vendemmia a mano, immediata lavorazione con massimo due ore per la posa nelle vasche grandi di fermentazione, lieviti naturali selezionati dalla stessa uva in pre-vendemmia. Macerazione di 30 giorni. La solforosa viene aggiunta solo al momento dell’imbottigliamento, fino ad allora il vino compie tutti i processi naturalmente, e naturalmente è sano e stabile e preparato per durare molto ma molto a lungo!

Cak Cak Puro
Cak Cak Puro

Abbiamo avuto una lunga conversazione con Aleš, sulla sua filosofia enoica e di vita, sulle sue tecniche enologiche, sulle sue folgorazioni che si sono tradotte in vini eccelsi. Abbiamo parlato di Puro uno spumante atipico, che alle sue qualità intrinseche unisce un cerimoniale scenografico quando viene stappato, e si stappa in una fase del processo di produzione che normalmente è solo una tappa e non il finale: tutti gli spumanti (metodo champenoise), quando sono in bottiglia sui lieviti, seguono la fase del remuage (per la distribuzione omogenea dei lieviti); dégorgement (sboccatura) per l’espulsione dei lieviti sedimentati; eventuale dosage; per finire con la tappatura della bottiglia. Puro viene imbottigliato con i vini base precedentemente preparati, non con zuccheri e lieviti selezionati per la rifermentazione in bottiglia, ma semplicemente usando il mosto con i suoi lieviti e con il suo mondo batteriologico vivo. Puro vive con i suoi lieviti fino alla fine, non invecchia e non contiene conservanti, resta capovolto in verticale per essere sempre a contatto con i lieviti e quando si decide di consumarlo dobbiamo procedere al dégorgment per espellere i lieviti. Aleš ammette che non è un procedimento così pratico, ma è convinto che Puro ci pone di fronte a un momento trascendentale e quindi…

 https://www.youtube.com/watch?time_continue=18&v=nUbaqbgMab8

Con il Puro Rosé abbiamo concluso la nostra degustazione a casa Movia, non possiamo e non vogliamo farne una descrizione notarile, il consiglio è di andare a Ceglo di persona oppure di portare a casa una bottiglia di questi vini d’autore per degustarla: ne vale la pena!

http://www.movia.si/it

Cak Cak the-cellar-movia3_0
Cak Cak the-cellar-movia3_0