E SONO DIECI – DIECI ANNI DI OPEN DAY OLIO MATE

Categorie APPUNTAMENTI & NEWS, FOOD & DRINK
E SONO DIECI ANNI -pineta-nature

E SONO DIECI

DIECI ANNI DI OPEN DAY OLIO MATE

tra gli oltre 25.000 olivi impiantati da Mate Vekič alla fine del secolo scorso.

Olio in festa in Istria ©U.Bellò 2014
E SONO DIECI ANNI – Olio in festa in Istria ©U.Bellò 2014

Aveva 75 anni Mate eppure l’amore per la terra, coltivato anche negli anni passati in Toscana, l’amore per l’olivo come pianta simbolo della civiltà mediterranea hanno spinto Mate a tentare un’avventura che sembrava impossibile,  impiantando 25.000 ulivi delle varietà Frantoio, Leccino e Pendolino, uniche piante allora a disposizione in quantità ingenti. In epoca recente, con l’importante recupero di superfici a oliveto, l’azienda Mate ha rivolto l’attenzione anche alle antiche varietà autoctone Busa (Buža), Bianchera (Istarska Bjelica) e Carbonazza (Karbonaca).

L’azienda Mate sorge in terra istriana, una terra rossa dal cuore che pulsa impetuoso, impetuoso come il mare della costa adriatica, fra l’insenatura di Daila e Punta Salvore, dove la secolare storia dell’olivo segna il territorio fin dall’epoca romana.

E SONO DIECI ANNI -ALEKSANDRA
E SONO DIECI ANNI -ALEKSANDRA

E il tradizionale appuntamento dell’Open Day ha raggiunto la soglia dei dieci anni, dieci anni ha anche la collaborazione, nata fin dalla prima edizione, con lo chef Tomaz Kavcic, patron del ristorante Pri Lojzetu in quel di Zemono nella Valle della Vipava! Collaborazione che ha creato una sinergia tale da rendere ogni appuntamento con l’Open Day Mate un giorno indimenticabile, collaborazione che è sfociata in amicizia  e stima tra Aleksandra, oggi a capo dell’azienda Mate, e Tomaz e le loro famiglie.

Raccontare l’appuntamento dello scorso martedi è un intrecciarsi di ricordi, tutti piacevoli, di facce, di profumi e sapori, parole e musiche, persone che spesso hai già visto, di collaboratori dei due patrons che passano veloci, servono i finger food preparati da Tomaz (sempre sorprendenti per fantasia e bontà), i tavoli con le nuove offerte come il cibo orientale, mozzarella di bufala, oppure il cocktail preparato con il Gin Monologue, olio d’oliva e aria di terra rossa del Carso! La signora che accarezza le nostre orecchie con la sua arpa e poi il trio con la cantante che interpreta tutti i brani   appassionatamente.

E SONO DIECI ANNI
E SONO DIECI ANNI

E l’accoglienza di Sara (figlia di Tomaz) con il pane alle olive servito con la ricotta e il prosciutto crudo appeso agli olivi, e i vini serviti sotto la guida di Zane storico collaboratore a Zemono, e la mozzarella e le alici servite dall’altra collaboratrice storica Morena, e Flavia la moglie di Tomaz che sovrintende al servizio, e…

 

E poi ti prendi tutto il tempo per seguire la lavorazione delle olive che si stanno raccogliendo nell’uliveto, entrano nel cappannone nei cassoni, vengono pesate, scaricate nel macchinario che lucicca di acciaio inox, si eliminano le foglie, si lavano e passano al frantoio dove una finestra permette ancora di seguire il processo di lavorazione, da lì entrano nella parte finale del macchinario e… si aspetta solo che l’olio esca per essere raccolto nei fusti, dove sarà stoccato prima dell’imbottigliamento. Cola l’olio, verde e denso, inevitabile la voglia di degustarlo come non capita spesso, è profumatissimo, fresco e denso, in bocca tittila ogni papilla e in gola resta la piacevole sensazione piccante!

ONO DIECI ANNI OLIOanteprima
E SONO DIECI ANNI OLIOanteprima

Quando incomincia a calare la luce e la sera si presenta nascondendo gli ulivi, è arrivato anche il momento dei ricordi, delle evocazioni e delle giuste celebrazioni. Tomaz e Aleksandra raccontano questi dieci anni di Open Day, di amicizia, di proficuo lavoro, di speranze per gli anni a venire e la torta dedicata ad Aleksandra è l’ultimo dolce ricordo che ci resta di questo decimo Open Day tra gli ulivi di Mate! U.B.

E SONO DIECI ANNI olio-MATE
E SONO DIECI ANNI olio-MATE