Emozionanti tracciati e incantevoli panorami

Categorie MARI & MONTI, SPORT
Emozionanti-tracciati ©Andreas Kern

Ciclismo su strada: emozionanti tracciati e incantevoli panorami: Il passo stradale più alto dell’Austria (Passo del Rombo), la massima altitudine che si possa raggiungere in bici da corsa (Rettenbachferner a Sölden), la montagna ciclabile più ripida del Paese (Kitzbüheler Horn) o, ancora, la gara ciclistica amatoriale più dura delle Alpi (Ötztaler Radmarathon): per i ciclisti da corsa il Tirolo è la terra dei superlativi. Ma, grazie ai tranquilli itinerari nella vallata dell’Inn e persino oltre confine, anche chi ama la pedalata dolce troverà in Tirolo tutto ciò di cui ha bisogno. Il Tirolo è la patria di molti miti della bicicletta. Con i suoi 238 chilometri e 5.500 metri di dislivello, la Ötztaler Radmarathon è da oltre 30 anni la sfida ciclistica per eccellenza. Il Kitzbüheler Horn è tra le montagne più temute dell’Österreich-Rundfahrt, il giro d’Austria. Il Giro d’Italia ha già sconfinato diverse volte in Osttirol sulle curve della Pustertaler Höhenstraße, per poi rientrare in Italia attraverso il Passo Resia. A prescindere dal tracciato scelto per la Transalp, il Tirolo rappresenta sempre la sfida più ostica tra la Germania e l’arrivo sul Lago di Garda.

In Tirolo il numero delle gare dedicate ai ciclisti da corsa aumenta di anno in anno. Ma niente paura, per fare una vacanza in bici in Tirolo non dovete necessariamente montare un cambio a tre velocità e affrontare i più terribili valichi alpini.

©Andreas Kern
©Andreas Kern

Il Tirolo può essere anche pianeggiante e dolcemente collinoso, basti pensare semplicemente alla valle dell’Inn. Da Landeck a Kufstein non c’è avventura più bella che esplorare le cittadine della Inntal tra una pedalata e l’altra. Grazie al percorso ciclabile lungo l’Inn, la Inntal offre una straordinaria rete di itinerari per la bici. E per i pochi chilometri in cui la ciclopista dell’Inn non è asfaltata, i ciclisti da corsa possono sempre ripiegare su brevi tratti di strada.

Ogni regione ha le sue particolarità: Sono tanti i punti di partenza che il Tirolo offre ai ciclisti da corsa. Ogni regione rappresenta un viaggio a se stante, alla scoperta delle tante particolarità che la caratterizzano. Nei pressi del confine con la Germania, vicino a Kufstein, i ciclisti da corsa approfittano volentieri dell’opportunità di combinare l’esplorazione del Tirolo con una deviazione in Baviera. La “Deutsche Alpenstraße”, per esempio, è a una manciata di chilometri, e da Kufstein sono possibili anche gite in giornata fino alle sponde del Chiemsee. Se si prende la direzione di Innsbruck, invece, ben presto comincia l’emozionante viaggio attraverso le valli laterali della Inntal. Da Wildschönau, vicino a Wörgl, alla Zillertal: le bici da corsa sono ovunque le benvenute. Da non perdere la vallata Aschental, un’ulteriore possibilità per unire il Tirolo a un tour in Baviera. Anche la stessa Innsbruck si presta benissimo come punto di partenza per degli itinerari in bici da corsa. Gli altopiani che corrono tutt’attorno al capoluogo tirolese, per esempio, regalano panorami fantastici con pochi metri di dislivello. E per esplorare la zona del Brennero e la Wipptal si può percorrere l’antica strada romana. Da Innsbruck si possono organizzare tour, anche in giornata, sia nel Tiroler Oberland che nella regione fino a Kufstein.

Emozionanti tracciati ©Andreas Kern
Emozionanti tracciati ©Andreas Kern

Più si prosegue verso ovest, più impegnativi diventano anche gli itinerari per la bici da corsa che risalgono le vallate laterali. Kühtai, la Ötztal con la strada che sale al Rettenbach-Ferner, una gita a Seefeld oppure la strada che conduce in salita al Ghiacciaio del Kaunertal: qui sì che bisogna essere in forma. Anche il territorio di Landeck, infine, ha le sue peculiarità. Attraverso il Passo Resia si può sconfinare in Italia o piegare verso le Alpi svizzere. Da Landeck si può anche pedalare alla volta della Paznauntal e, perché no, arrivare fino al Vorarlberg. Oppure unire l’esplorazione della regione di St. Anton am Arlberg all’attraversamento dell’Arlbergpass.

Consigli per ciclisti da corsa: Per qualunque ciclista da corsa con ambizioni, l’apice della stagione sono sempre le tappe di montagna con poco traffico automobilistico. Ed è proprio su questo che il cuore delle Alpi punta la sua carta migliore. Perché di strade di montagna con queste caratteristiche in Tirolo ce ne sono a bizzeffe, ed è piuttosto raro che presentino una pendenza superiore al dieci percento. La maggior parte delle salite è compresa tra il sei e il dieci percento: basta un allenamento di base per poterle percorrere senza sforzi eccessivi. Il rapporto, in ogni caso, non dovrebbe essere troppo grande. Una guarnitura compatta davanti e un rapporto con la corona più piccola da 28 o 30 denti dietro sono la variante più sicura per sentirsi a proprio agio sulle montagne tirolesi. Per tour lunghi sulle Alpi del Tirolo si raccomanda un abbigliamento adatto. Manicotti, gambali e un giacca non dovrebbero mai mancare, e avere con sé un piccolo zaino – anche in bici da corsa – male non può fare. Per la riserva d’acqua, invece, non c’è da preoccuparsi. In qualsiasi località del Tirolo si trova una fontana d’acqua potabile e lungo le strade di montagna non si vedono che sorgenti e fontane. In Tirolo l’acqua soddisfa sempre i requisiti di potabilità, perciò è tranquillamente possibile riempire la borraccia lungo il percorso. Anche i punti di ristoro sono tutt’altro che rari: rinunciate quindi senza rimorsi alle barrette e ai gel energetici.

Itinerari specifici per la bici da corsa: Proprio come per la mountain bike, il governo tirolese ha inserito sul proprio sito web anche una ricca selezione di tour per la bici da corsa. Su https://www.tirol.gv.at sono disponibili cartine e tracce GPS per molti itinerari in Tirolo (in tedesco). Per i ciclisti da corsa consigliamo anche due libri (in tedesco): “Die schönsten Rennradtouren: 30 Klassiker und Geheimtipps in und um Tirol” di Thomas Pupp (edito da Löwenzahn-Verlag, ISBN: 978-3706624404; prezzo suggerito: 19,95 €) e “Das große Rennrad Tourenbuch Tirol“ con 100 itinerari in Tirolo e le gare ciclistiche più importanti, di Willi Hofer (edito da Tyrolia-Verlag, ISBN 978-3-7022-3176-7; prezzo suggerito: 24,95 €).

Una panoramica dei percorsi per bici da corsa, eventi ciclistici, etc. si trovano su:www.tirolo.com/bici-da-corsa

Per informazioni dettagliate: Tirol Info, Tel. +43.512.7272-0, info@tirol.at  e www.tirolo.com

Offerte si trovano su www.tirolo.com/offerte-estate(in italiano)

emozionanti paesaggi ©Tirol Werbung/Esther Wilhelm
emozionanti paesaggi ©Tirol Werbung/Esther Wilhelm