Gewürztraminer d’Alsace, verticale Domaine Weinbach

Categorie FOOD & DRINK
Gewürztraminer Domaine-Weinbach-2

La degustazione verticale di Gewürztraminer d’Alsace della Domaine Weinbach ci porta in Alsazia, regione contesa nei secoli tra Germania e Francia. Le case sono caratteristiche dell’architettura tedesca e moltissimi cognomi denotano l’origine, anche i vitigni rispettano la tradizione del paese confinante.

Siamo al Merano WeinFest e l’Hotel Terme è la sede delle degustazioni organizzate nell’ambito della manifestazione. Il programma prevede tredici annate/tipologie di Gewürztraminer della Domaine Weinbach.

Kaysersberg©crta_zvardon
Kaysersberg©crta_zvardon

Sita nel villaggio di Kaysersberg, sulla Route des Vins d’Alsace (che festeggia i 60 anni di vita) la Domaine Weinbach fu fondata con questo nome  nel 1898 dalla famiglia Faller; Domaine Weinbach, come fondo agricolo, vanta però una storia antica, addirittura dal 890 quando l’imperatore donò un terreno coltivabile all’abbazia di Estival. Per questo il marchio di Domaine Weinbach riporta la figura di un monaco. La denominazione deriva dal torrentello che scorre nella proprietà, fondata nel 1612 come monastero dei cappuccini, e il fondo circondato da mura prese il nome di “Clos des capucins”. Acquistata dallo Stato da Théeodore e Jean-Baptiste Faller passò poi in proprietà a Theo.

Theo Faller fu una figura insigne della viticoltura alsaziana e si dedicò alla causa del riconoscimento della Appellation d’Origine Controlée. La filosofia della Domaine privilegia la qualità dei vini e oggi è guidata da tre signore del vino: Colette e le figlie Laurence e Catherine, coadiuvate da Theo, il figlio di Catherine.  Laurence è considerata tra i primi dieci migliori enologi al mondo!!

domaineaerienne
domaineaerienne

I vini prodotti sono di grande pulizia, intensità aromatiche, equilibrio ed eleganza, sontuosi. Al vertice della qualità possiamo citare le vendemmie tardive e le Quintessenses de Grains Nobles (selezione dei migliori grappoli arricchiti dalla botritis cinerea, le cui spore ricoprono i grappoli dell’uva come fosse cenere). La muffa nobile favorisce l’appassimento sulla pianta, aumentando il grado zuccherino e donando profumi e aromi caratteristici.

Gewurztraminer-Grand-Cru-Furstentum-Sélection-de-Grains-Nobles-2006
Gewurztraminer-Grand-Cru-Furstentum-Sélection-de-Grains-Nobles-2006

Con il prezioso contributo di Ian d’Agata e la puntuale presentazione tecnica di Laurence abbiamo avuto la grande opportunità di partecipare ad una verticale del cru Fürstenturm Gewürztraminer ( in francese pronunciato ghevirztraminér).

Tredici eccezionali bottiglie delle vendemmie 2011, 2010, 2009, 2008, 2007, 2003, 2002, 1999, 1996, 1992, 2001 vendemmia tardiva, 1994 Selection Grain Noblese e 1994 Quintessenses des Grain Nobles! I primi dieci assaggi sono della tipologia vino secco, gli ultimi vini speciali.

La maturazione in vigna incide sulla qualità dell’uva da portare in cantina e quindi vengono citate le situazioni meteorologiche della stagione, ad esempio quella del 2011 in Alsazia è ricordata come la primavera più secca e calda degli ultimi 40 anni, quella del 2003 come l’estate del caldo torrido, altre stagioni si presentano con periodi freddi o troppo umidi. Ogni situazione è da affrontare in vigna e poi stabilendo il momento della raccolta e delle operazioni in cantina. In Alsazia il mosto fermenta in grandi botti di rovere chiamate “foudres”, vecchie per non cedere aromi al vino contenuto,  la fermentazione è  innescata da lieviti autoctoni che donano caratteristiche uniche. Anche l’affinamento viene svolto nelle “foudres” e poi in bottiglia. Una bellissima precisazione di Laurence spiega ancor meglio la filosofia produttiva di Domaine Weinbach: “pratichiamo la coltivazione organica e biodinamica, ma ritengo più importante la qualità dei vini e poi di queste certificazioni”

La maturazione, con diverse condizioni climatiche, dona al Gewürtztraminer profumi che possono variare dalla frutta esotica allo speziato,   l’anno 2007, un’altra stagione calda, presenta per esempio note agrumate di bergamotto, altre vendemmie il pompelmo rosa. La vendemmia 1996 mi ha sorpreso per  il tartufo nero subito evidente, anche la vendemmia tardiva del 2001 aveva note di tartufo.

Kaysersberg-Alsace
Kaysersberg-Alsace

I cru Fürstenturm Gewürztraminer si presentano all’occhio con un colore giallo paglierino brillante anche nelle annate più vecchie, le vendemmie tardive e le selezioni logicamente hanno un colore più tendente al dorato. Al naso profumi complessi con note caratteristiche che variano da vendemmia a vendemmia, in bocca aromaticità complessa, pulito e di buona persistenza. Vini che denotano una grande cura in vigna e in cantina, la qualità presa come traguardo finale. Cru Fürstenturm Gewürztraminer è un vino affascinante e versatile: se  Laurence lo abbina al foie gras, Ian d’Agata l’ha bevuto per accompagnare la mozzarella di bufala campana, restandone pienamente soddisfatto. È sicuramente ottimo con i crostacei quali l’aragosta, astici  e gamberoni e in genere pesce saporito, formaggi stagionati, da provare con il sushi e, sempre con il pesce, quello affumicato. Le annate con le incredibili  note di tartufo, sono sicuramente abbinabili a quei piatti a base di “diamante” grigio… o nero”.  U.B. 2013

www.domaineweinbach.com 

Gewuerztraminer Cave-
Gewuerztraminer Cave-