IL PARADISO DEI GOURMET – UN GIORNO AI TAVOLI DEL PRI LOJZETU E UN GIORNO A QUELLI DEL KRUH IN VINO

Categorie FOOD & DRINK, RISTORANTI

IL PARADISO DEI GOURMET

UN GIORNO AI TAVOLI DEL PRI LOJZETU E UN GIORNO A QUELLI DEL KRUH IN VINO

Credo che tutti sceglierebbero di andare in paradiso quindi anche i gourmet vogliono trovare il loro paradiso eno-gastronomico per deliziarsi.

IL PARADISO DEI GOURMET
IL PARADISO DEI GOURMET

Il Pri Lojzetu è una delle nostre mete preferite, lo si vede arrivando in autostrada, perché svetta sulla collina di Zemono tra Vipava a Aidussina. Circondato dal verde del parco, il piano nobile presenta un colonnato sotto cui si mangia nella bella stagione, mentre normalmente le sale da pranzo sono nella parte sottostante, scavate nella viva roccia! L’ampio parcheggio accoglie gli ospiti. Tutto è perfetto, l’atmosfera rilassata e amichevole come chi ti accoglie e ti fa accomodare, il servizio puntuale e preciso.

L’apertura è nella tradizione dell’ospitalità slovena per cui ti viene offerto il pane spezzato accompagnato dalla salsa di cren, poi, se lasci fare allo chef Tomaz Cavcic, è un susseguirsi di piatti che fanno brillare gli occhi, accarezzano il naso, titillano le papille gustative mentre per le orecchie hai la descrizione del piatto da parte di Flavia moglie dello chef oppure di Ramona la storica cameriera o dello chef stesso. Il vino è per nostra scelta un viaggio nella tradizione della Valle della Vipava, guidati da Anze il sommelier sempre più bravo nel proporti abbinamenti ottimamente centrati, se poi si vogliono scegliere vini di altri territori basta chiedere!  Tutta la brigata di sala è altamente professionale, sorriso in bocca, puntualità del servizio ti creano l’atmosfera giusta per degustare i piatti di Tomaz!

IL PARADISO DEI GOURMET

La materia prima qui è importantissima, Tomaz cerca i migliori produttori, possibilmente nelle vicinanze del ristorante, li fidelizza. Ogni stagione quindi è rappresentata nei piatti che degustate. Per esempio in primavera ci è stato presentato il saluto dalla cucina con “la scarpetta” con pane agli asparagi, crema di asparagi con croccantezza sempre di asparagi, il tutto accompagnato dalla bottiglietta da cui bere il succo di uva Barbera in onore alla Valle di Vipava e dei suoi ottimi vini!

“Denticità” un piatto che è un’impresa, per i tempi di preparazione, e un unico, inebriante, concentrato di sapore! Si tratta del filetto di dentice gratinato con la polvere di tutto ciò che normalmente si butta (teste, code, lische) essiccate e polverizzate! Con le altre parti del pesce si è fatto un fumetto che viene versato nel piatto davanti al commensale.  Mi ripeto: un unico, inebriante concentrato di sapore!!!

Altro piatto con i profumi di mare con gli scampi cotti al vapore, serviti con asparagi bianchi, verdi e quelli selvatici del territorio, il tutto accompagnato con una salsa fatta con i gusci degli scampi e crema di formaggio giovane e plancton. Siamo poi tornati al dentice, questa volta servito su una crema allo zafferano e coperto con foglia di bieta fermentata nello zafferano, il tutto posato su salsa di rapa rossa.

IL PARADISO DEI GOURMET

Perchè no la carne se è una tartare di manzo frollato 50 giorni e avvolta in tartufo nero pregiato, il tutto servito con una crema al peperone e ciccioli di patate. Ancora carne con lo stinchetto disossato di agnello, servito su crema di carota viola e mais croccante.

Al Pri Lojzetu non può mancare il sorbetto scenografico di Tomaz, quindi un gin tonic analcolico servito tra il verde dei rami di ginepro dove viene versata acqua per sprigionare il profumatissimo fumo freddo al ginepro! Si termina con la minestra di frutta e verdura (senza alcuna aggiunta di zuccheri se non quelli naturali presenti nella frutta) servita con gelato e basilico essiccato. Per terminare l’ottimo pranzo potete provare anche  il Gin Monologue, creato da Tomaz. Si lascia il Pri Lojzetu soddisfati come sempre, se non dii più! zemono@zemono.si

IL PARADISO DEI GOURMET

Abbiamo un appuntamento gourmet per l’indomani in un’altra zona vitivinicola della Slovenia. Andiamo nella Brda, un unicum con il famosissimo Collio! Tomaz e Flavia hanno aperto un nuovo locale dove servono vino e piatti veloci e ci hanno chiesto di passare a provarlo.

IL PARADISO DEI GOURMET
IL PARADISO DEI GOURMET

Noi abbiamo fatto coincidere il nostro arrivo a Vila Vipolze con l’apertura di KRUH in VINO (PANE e VINO), siamo curiosi di degustare l’offerta della casa, non dubitiamo che Tomaz, Flavia e i loro collaboratori non offrano il meglio di quanto è nel menù, di vini e di un servizio professionale oltre che cordiale! Entriamo, Kruh in Vino è posto sul lato sinistro dell’entrata principale della Villa, all’esterno sedie, divanetti e tavolini per chi preferisce restare all’aria aperta, appena entrati si incontra il bar dove si possono degustare un gran numero di ottimi vini, per esempio quelli di Edi SImcic la cui cantina è a poche centinaia di metri da qui, oppure quelli di Movia che si distende sulla collina al di là della valle o di Marjan Simcic, tutto attorno alla Villa e all’omonimo paese le viti da cui si ricavano vini tra i più pregiati. Ci accomodiamo nella sala da pranzo, negli arredi e nelle apparecchiature si riconosce il tocco di Flavia, il personale che ci ha accolto si nota subito per professionalità e gentilezza.Non ordiniamo nulla perchè Tomaz ci precede per farci degustare quello che lui ritiene ci possa soddisfare di più, sinceramente non ci preoccupiamo della cosa, anzi!

IL PARADISO DEI GOURMET
IL PARADISO DEI GOURMET

Ci sediamo nella sala e ci guardiamo attorno, la gentile cameriera ci offre lo spumante della casa Vila Vilpolze Rosé, il primo piatto è il pan brioche con un lardo che si scioglie in bocca, profumato e elegantemente saporito. La sala è arredata con tavoli in legno di grandezza e forma diverse, sedie pure in legno. Tra le due finestre un elegante caminetto in pietra del Carso, illuminazione efficiente, oggetti elegantemente discreti, apparecchiatura essenziale visto il tipo di locale, Particolati i piatti che sono in metallo smaltato come si usava nel primo novecento, questi sono della slovena EMO NOVUM.  Il primo piatto che ci viene portato sono gli gnocchi di patate che vengono conditi con gli immancabili asparagi di stagione. Segue una specialità slovena e cioè la Pogača, cioè la focaccia, ma Tomaz la interpreta secondo la sua professionalità: lievito madre, lunga lievitazione, prima cottura al 70% del totale, seconda cottura al momento della comanda per offrire velocemente un prodotto che è croccante fuori e morbido dentro e condita con prodotti eccellenti, con abbinamenti anche sorprendenti! Noi abbiamo degustato quella con ragù d’anatra, misticanza, burrata e cipolla rossa caramellata e quella al pomodoro, mozzarella di bufala, pomodorini freschi, pesto e basilico: eccellenti entrambe, profumate, ricche di sapori diversi, belle anche da vedersi e abbondanti nelle dosi! Abbiamo dovuto terminare il pranzo con il gelato della casa, tra cui ci aveva colpito quello alla ribolla gialla/rebula ricavato cioè da quell’uva bianca autoctona che è la regina dei vini della Brda. Anche il vino, servito al calice, che ha accompagnato il pranzo era la Ribolla della Brda!

IL PARADISO DEI GOURMET

Certo questo è un locale diverso dal Pri Lojzetu, ma la ricerca maniacale dei prodotti di qualità del territorio, l’altissima professionalità della cucina di Tomaz unite alla bellezza della location e alla professionalità e gentilezza del personale rendono un pranzo al Kruh in Vino un’esperienza unica e, soprattutto, un’esperienza paradisiaca per i gourmet!!! info@kruhinvino.si

IL PARADISO DEI GOURMET
IL PARADISO DEI GOURMET

Quando siamo arrivati a Vilpoze siamo rimasti incantanti nel vedere la Villa in cui è ubicato KRUH in VINO, come racconta la storia all’inizio la Villa fu la palazzina di caccia dei conti di Gorizia che per un lungo periodo fu utilizzata per i piaceri estivi. I suoi successivi proprietari furono i nobili delle famiglie Herberstein, Della Torre, Attems e infine i Teuffenbach. Nel XVI e XVII secolo, il palazzo subì la guerra tra gli imperatori e i Veneziani. Questi nella prima metà del XVII secolo lo trasformarono in una lussuosa villa rinascimentale dalla forma rettangolare, con due torri quadrate appoggiate e decorazioni in stile veneziano. Ai proprietari serviva come residenza estiva con un bellissimo parco adornato da una fontana barocca. Durante le due guerre mondiali, Villa Vipolže non fu risparmiata e alla fine nel 1948 fu colpita anche da un incendio. Poi, durante il suo lungo sonno, la Bella addormentata qua e là ha ospitato feste e festival del vino su una pista da ballo di recente costruzione. Ora l’impalcatura è caduta. Villa Vipolže si è risvegliata.

IL PARADISO DEI GOURMET
IL PARADISO DEI GOURMET

È una cosmopolita che con il suo nuovo centro culturale e congressuale regionale inaugura la sua prima stagione. Alla reception ci illustrano il presente di Vila Vilpolze: La più bella villa rinascimentale in Slovenia rappresenta il nuovo cuore del turismo culturale, delle mostre e degli eventi nel Collio sloveno, chiamato Brda. Il Centro culturale di Vila Vipolže crea legami tra paesi e persone. Il mondo pittoresco del Collio sloveno si apre a tutta la Slovenia, all’Europa e al mondo. Le mostre, i concerti e gli spettacoli sono il punto d’incontro per artisti, intenditori e amanti della cultura. La villa rinascimentale sembra essere perfetta per sperimentare e sentire l’arte in quanto proprio il periodo del Rinascimento mise l’uomo al centro dell’Universo e riaccese gli ideali dello spirito creativo dell’antichità. Brda è una terra di ispirazione e siamo orgogliosi dei giganti che sono nati qui e hanno creato le loro opere. Il ricordo di Alojz Gradnik, poeta della luce e dell’oscurità, caratterizza gli spazi artistici di Vila Vipolže. Gli artisti in visita possono percepire “le stelle cadenti dal cielo”, come le aveva descritte il poeta di Brda. Nella parte superiore le finestre sono più piccole e le viste sul paesaggio sono più incantate. Forse è per questo che l’intera parete è decorata con interessanti affreschi, restaurati con cura dal Centro di Restauro di Lubiana.

IL PARADISO DEI GOURMET
IL PARADISO DEI GOURMET

La mostra di Storia della Vila Vipolže: Goriški muzej (Museo del Goriziano) ha arricchito la sala principale della villa con una mostra sulla storia del palazzo dal titolo Vila Vipolže ieri e oggi. E spossibile veder i plastici che testimoniano lo sviluppo della villa rinascimentale che ha ottenuto il suo aspetto definitivo dopo varie ricostruzioni in epoca barocca, alla fine del XIX e all’inizio del XX secolo. Scoprite il ricco passato di Vila Vipolže, soprattutto a partire dal XV secolo, quando i suoi proprietari diventarono i conti Della Torre. In origine era una palazzina di caccia dei conti di Gorizia, ma come risulta dal documento esposto, il 14 aprile 1460 fu acquistata da Febo della Torre. La famiglia soggiornò spesso a Vipolže e diede all’edificio il suo più grande splendore. Uno dei personaggi più famosi fu Raimondo VI che Rodolfo II d’Absburgo apprezzava tanto da nominarlo ambasciatore d’Asburgo alla corte veneziana tra il 1590 e il 1593 e inviato presso la Santa Sede nel 1597. Probabilmente nel XVI secolo c’era un bellissimo parco intorno alla villa che ancor oggi è adornato dai cipressi più antichi della Slovenia. Meno fortuna ebbe la villa nel XIX e XX secolo. Dopo l’incendio del 1800 fu venduta l’anno successivo alla famiglia Attems che utilizzava l’edificio esclusivamente per lo stoccaggio di prodotti, in particolare il vino, che era il tributo principale delle famiglie coloniche. Alla fine del XIX secolo il palazzo fu acquistato dal conte Rudolf Erard Anton barone Teuffenbach che però non rinnovò il vecchio edificio ma preferì costruirsi una nuova villa. Il barone aveva una ricca biblioteca che sarà possibile vedere in parte. Dagli anni ’60 del XX secolo in poi ci sono stati sempre più sforzi per ricostruire e rivitalizzare la villa. Così la bella addormentata ha aspettato fino al 2015 quando ha finalmente ricominciato a fiorire.

https://www.vilavipolze.eu  

IL PARADISO DEI GOURMET
IL PARADISO DEI GOURMET