LE MAGNUM DI TERRANO 1915-2015

Categorie FOOD & DRINK

LE MAGNUM DI TERRANO

DELLE VITI MESSE A DIMORA DAL NONNO DI BORIS NEL 1915

osti jarei – resta saldo

 

LE MAGNUM DI TERRANO DELLE VITI MESSE A DIMORA DAL NONNO DI BORIS NEL 1915 Klet_arhivske_1200

LE MAGNUM DI TERRANO DELLE VITI MESSE A DIMORA DAL NONNO DI BORIS NEL 1915 Klet_arhivske_1200

Boris Lisjak è un’autorità nel campo della coltivazione della vite e nella trasformazione delle uve in vino. Presidente della locale associazione di viticoltori del Kras-Carso sloveno, sommelier, cavaliere del vino, pluripremiato ai vari concorsi a cui partecipa, produce il suo vino nella cantina circondata dalle vigne, tra cui quelle che il nonno aveva messo a dimora ben oltre 100 anni fa nel 1915.

Tradizione

La famiglia è la base su cui i Lisjak da generazioni costruiscono il proprio successo e da cui traggono ispirazione, sempre con una chiara visione del futuro. Boris Lisjak rappresenta la settima generazione che nel cuore del Carso con la C maiuscola si dedica alla viticoltura e all’enologia. Il suo lavoro sta passando gradualmente nelle mani della prossima generazione, del figlio Alen e della figlia Tjaša, mentre le cinque nipoti di Boris stanno imparando diligentemente a prendersi cura dei vigneti. La presenza della famiglia Lisjak su questa terra rossa è documentata nei registri fondiari viennesi del 1836. Il vigneto più antico della proprietà, nel 2015 festeggia la veneranda età di cent’anni, essendo uno dei vigneti più antichi del Carso. Boris Lisjak è stato uno dei primi viticoltori sloveni ad introdurre l’imbottigliamento del vino ben quarant’anni fa. Ha approfondito le proprie conoscenze superando l’esame per sommelier, è come si accennava sopra anche membro dell’Ordine di San Fortunato e cavaliere di prima classe dell’Ordine Sloveno dei Cavalieri del Vino. Inoltre, è anche il presidente del Consorzio dei Produttori del Vino Terrano del Carso.

Siamo passati a trovare Boris Lisjak una mattina in cui iniziava una fastidiosa pioggerella, l’uva sulle viti era matura, ancora qualche giorno in pianta prima di  essere raccolta. Abbiamo dedicato il tempo della visita per vedere i locali della cantina: la sala delle degustazioni che si apre ad un numero consistente di visitatori, il magazzino delle bottiglie e la cantina vera e propria dove l’uva dopo la pigiatura passa alla fermentazione e alla maturazione nel legno.

LE MAGNUM DI TERRANO DELLE VITI MESSE A DIMORA DAL NONNO DI BORIS NEL 1915 Boris Lisjak
LE MAGNUM DI TERRANO DELLE VITI MESSE A DIMORA DAL NONNO DI BORIS NEL 1915 Boris Lisjak

I vini prodotti sono: L’Izbrani Teran PTP (Terrano scelto DTR) è l’orgoglio e il prodotto più famoso del Carso. Viene prodotto dalla varietà refosco sulla speciale terra rossa che si trova solo sul Carso. Il colore del Terrano è un intenso rosso rubino, il suo sapore ricorda quello dei frutti di bosco.

Il Konzorčni Teran (Terrano del Consorzio) è conforme ai severi criteri dell’associazione Consorzio dei produttori del Terrano del Carso, il che è già di per sé un premio.

La Vitovska grganja è una varietà autoctona del Carso. Si tratta di un vino bianco fresco dal gusto particolare e dall’odore di frutti di bosco e fiori di campo. La macerazione dura un giorno, mentre la fermentazione nelle botti di legno si protrae per un altro anno intero.

Il Cabernet sauvignon raggiunge un’ottima qualità sul Carso. La macerazione dura da tre settimane a un mese. Il Cabernet Sauvignon di Lisjak vieno maturato per sei anni, di cui due in botti di rovere nuove, due in botti usate una volta e un anno in bottiglie.

Sara è un vino ispirato dall’amore di Boris per la sua prima nipotina, Sara. Si tratta di un cuvée di tre varietà di vino rosse, il Terrano, il Merlot e il Cabernet Sauvignon. Viene maturato in botti di rovere per sei anni, più un anno in bottiglia. Il vino Sara vanta cinque titoli di campione, tra i più prestigiosi menzioniamo quello di campione tra i migliori vini rossi sloveni, ottenuto nel 2014 alla fiera internazionale del vino di Lubiana.

Un passito La Tejina solzica (Lacrimetta di Teja) e un brandy Il Vinjak, un tipo di distillato dal vino Terrano, ha iniziato la sua strada nel 1975, quando la vita di Boris è stata segnata da uno dei momenti più belli, la nascita del figlio. Oggi, invecchiato di 40 anni, il Vinjak è un simbolo in bottiglia dei legami familiari e dell’orientamento al futuro dei Lisjak.

LE MAGNUM DI TERRANDELLE VITI MESSE A DIMORA DAL NONNO DI BORIS NEL 191 ZK_listina_800
LE MAGNUM DI TERRANDELLE VITI MESSE A DIMORA DAL NONNO DI BORIS NEL 191 ZK_listina_800

C’è poi il l’Arhivski Teran (Terrano d’annata) è qualcosa di speciale. È prodotto dall’uva del vigneto piantato nel 1915 dal nonno di Boris. Sebbene la veneranda età dei vitigni faccia sì che essi rendano qualche grappolo in meno, la qualità del Terrano che se ne produce è molto più alta. Il Terrano d’annata è invecchiato per ben undici anni in botti di legno; ogni anno ne vengono imbottigliate solo 1300 bottiglie. Il Terrano d’annata di Lisjak è l’unico Terrano che può vantarsi del titolo di campione d’Europa, ottenuto alla fiera internazionale del vino di Lubiana. Dall’Arhivski Teran è nata una selezione particolare, 400 magnum riservate alle degustazioni e non in vendita, magnum che riportano le date 1915-2015 per celebrare il centenario di queste vetuste viti, vino che ha un estratto secco molto alto, etichetta incisa direttamente sul vetro della bottiglia e dorata: una presentazione elegantissima come il vino che si degusta da queste bottiglie speciali!

LE MAGNUM DI TERRANO DELLE VITI MESSE A DIMORA DAL NONNO DI BORIS NEL 1915 Domačija-Lisjak-naslovna-1
LE MAGNUM DI TERRANO DELLE VITI MESSE A DIMORA DAL NONNO DI BORIS NEL 1915 Domačija-Lisjak-naslovna-1

Nella sala degustazioni ci siamo dedicati alla degustazioni di alcuni dei vini di casa Lisjak, abbiamo iniziato con la Vitovska, un bianco che presenta al naso profumi fruttati e erbacei ammalianti per la loro delicatezza, in bocca gradevole acidità, che si sposa con l’aromaticità tipica di questo vino, morbido, per semplificare elegante! Dopo la vitovska non poteva mancare il Teran che in casa Lisjak riesce sempre a distinguersi per la sua morbidezza al naso e al palato, non è assolutamente quel terrano che presenta picchi di acidità quasi proibitivi per i gusti “delicati” dei consumatori d’oggi! Altro campione della cantina il Cabernet Souvignon  colore rosso rubino intenso, con un profumo vinoso e un sapore asciutto e armonico, molto elegante.

LE MAGNUM DI TERRANO DELLE VITI MESSE A DIMORA DAL NONNO DI BORIS NEL 1915 Trta-refosk-rdeci-listi_800
LE MAGNUM DI TERRANO DELLE VITI MESSE A DIMORA DAL NONNO DI BORIS NEL 1915 Trta-refosk-rdeci-listi_800