Pedalando sul tetto del mondo, in mtb

Categorie NEL MONDO, SPORT
Pedalando sul tetto del mondo

 Pedalando sul tetto del mondo, in mtb: da Lhasa a Kathmandu.

Pedalando sul tetto del mondo
Pedalando sul tetto del mondo

Da Lhasa, la mitica capitale del Tibet, seguendo le orme delle antiche carovane, al Campo Base Everest e fino a Kathmandu, l’affascinante capitale del Nepal, accompagnati dalla magia dei panorami mozzafiato di questo trail, attraverseremo in mountain bike luoghi incantevoli, incontrando monasteri remoti e genti stupende, testimonianze ancora viventi delle antiche culture che qui si sono sviluppate nei secoli

Viaggio di gruppo dal 13 luglio al 01 agosto 2014, 20 giorni di viaggio in mountain bike a partire da 1493 Euro, Logistica ed attrezzatura per i campi tentati inclusa, Vitto pieno durante il tour in mountain bike.

 Kathmandu-Lhasa-Chusul – Khamba La (4794 m) – Yarsik-Langla-Gyantse-Shigatse – Lepu-Chentsol – Gyatso la (5220 m) – Pang La (5210 m)-Cho Dzom – Rongbuk (Everest BC, 5364 m) – Tingri – Gurtso – Pengyeling-Zhangmu – Kathmandu.

Pedalando sul tetto del mondo
Pedalando sul tetto del mondo

Pedalare sull’altipiano del Tibet è il sogno di molti cicloturisti e mountain biker. Oggi il percorso è interamente asfaltato eccetto due tratte fra la “via dell’amicizia” e Rongphu (Rongbuk) nei pressi del Everest Base Camp. Dopo qualche giorno in Kathmandu e il volo spettcolare oltre l’Himalaya vi fermerete per il neccessario acclimatamento a Lhasa (3595 m) durante il quale si visitano la città e d’intorni raggiungendo fino a quota 4400 metri. Cosi, perfettamente acclimatati inizierete il tour in bici con tappe “facili” che vi portano sul passo Khamba La (4749 m) al lago sacro di Yamdrok Tso (4490 m) prima di affrontare il primo passo oltre i 5000 m, il Karo La, incastonato fra ghiacciai enormi che porterà alle città mercantili di Gyantse e Shigatse a quote attorno i 3900 m. Dopo una settimana di tappe relativamente leggere inizia, perfettamente acclimatati e in forma la parte più impegnativa: l’attraversamento dell’alto Himalaya con la risalita al Gyatso La (5220 m) e Pang La (5200 m) per giungere nel “cuore dell’Himalaya” presso il monastero di Rongbuk. Qui i monaci meditano a quota 5000la d’innanzi all’imponente parete nord della loro sacra montagna. Vi attendono ancora il Lammna La (5050 m), Lalung La (5000 m) e Thong La (5050 m) con i quali si conclude la parte più impegnativa del tour. Adesso tutto in Downhill si scende per il Nepal in due giorni da 5050 a 540 metri, passando dall’arido altipiano alle vallate verdeggianti. Dopo 19 giorni di viaggio, di cui 14 in sella concluderete con una bella cena quest’avventura in bici! Un viaggio che vi ha portato oltre passi da 5000 metri, città e monasteri stupendi, lungo dei laghi incantevoli in paesaggi mozzafiato che sono sinonimo per questo raid spettacolare.

http://www.navyonepal.it/viaggi-di-gruppo-in-nepal-tibet-bhutan-cina/141-viaggio-di-gruppo-in-tibet-13-luglio-31-agosto-2014-lhasa-kathmandu-in-mountain-bike.html

Pedalando sul tetto del mondo
Pedalando sul tetto del mondo