Una cena a ritmo di jazz al Blu Note, a Milano

Categorie By @lucianarota
Una cena a ritmo di jazz

Una cena a ritmo di jazz al Blue Note di Milano per gli scienziati della nutrizione

La Fondazione Paolo Sorbini ha dedicato una cena di gala a relatori, vip e giornalisti coinvolti dal Science in Nutrition 2014. Una serata naturalmente anche di musica in onore del dottor Paolo Sorbini.

Una-cena-a-ritmo-di-jazz
Una-cena-a-ritmo-di-jazz

Metti una serata a ritmo di jazz grazie all’eccellente performance dei musicisti Tuck and Patty, al Blue Note di Milano, e va da sé che anche la Scienza mondiale si può concedere un cena di gala, con menù sfizioso sia pure in versione light, per restare in tema.

Il tema è quello della due giorni congressuale contro l’infiammazione silente. La cena è quella “di gala” per 300 ospiti, organizzata dalla Fondazione Paolo Sorbini per la scienza nell’alimentazione in occasione del terzo Science in Nutrition Congress, svoltosi al milanese hotel Principe di Savoia dal 14 al 15 marzo scorsi.

I ricercatori provenienti da tutto il mondo, i giornalisti e i vip del congresso sono stati deliziati da una splendida cena (dress code business informal) presso una delle location by night più famose e trendy del capoluogo meneghino. La serata, presentata dall’affascinante Clara Taormina, conduttrice di Tele Lombardia, è stata l’occasione per ricordare e onorare l’operato e la vita (interamente dedicata alla Ricerca) di Paolo Sorbini, fondatore di Enervit e precursore della ricerca scientifica nel campo dell’alimentazione. Sul palco del Blue Note, Pino Sorbini figlio maggiore di Paolo, ha aperto al serata ringraziando la sorella Maurizia, presidente della Fondazione, e tutti i presenti, anche grandi sponsor come il Gruppo Dupont, mentre Barry Sears inventore della dieta Zona e altri ospiti, hanno voluto condividere momenti e aneddoti significativi del loro trascorso personale con Sorbini.

Sears ha voluto raccontare il momento in cui, negli USA, ha scoperto con sua grande gioia che qualcuno in Italia, a molti km di distanza da lui, sosteneva la sua medesima battaglia contro la cattiva alimentazione e aveva avuto la stessa intuizione che il cibo avesse un effetto sui principali ormoni. Il ricercatore ha concluso definendo il dottor Sorbini un precursore assoluto dei suoi tempi.

Una cena a ritmo di jazz
Una cena a ritmo di jazz

Fra le 300 persone intervenute, anche molti vip del mondo dello sport e dello spettacolo, tra questi Giovanni Storti del trio comico “Aldo, Giovanni e Giacomo”, grande appassionato di maratona e ultra trail, molto attento al tema della Nutrizione sportiva e poi il neo commissario tecnico della nazionale di ciclismo, Davide Cassani, molto noto in tv (commentatore di Raisport) e oggi brillante co-conduttore con Linus e Baldini di un programma radiofonico sportivo.

Una cena di gala “very social”: a commentare e twittare le portate offerte dal Blue Note durante la cena, infatti, c’era anche Davide Oltolini, conduttore della rubrica “Sapere i sapori” in onda ogni sabato nella trasmissione “Uno Mattina in Famiglia” su Rai Uno.

Una serata d’eccezione, quindi, all’insegna del relax dopo un’interessante e intensa giornata al SIN2014, che ha visto 19 ricercatori intervenuti, più di 500 persone tra medici, biologi, farmacisti e giornalisti. Una tavola rotonda dal titolo “Stop all’infiammazione silente, la sfida della nutrizione del futuro” ha messo d’accordo tutti gli studiosi sul tema dell’infiammazione, base delle malattie croniche e neurodegenerative. La soluzione proposta dagli esperti (Silvana Hrelia, Uni Bologna, Barry Sears, Inflammation Res. Found, Camillo Ricordi, Università di Miami, Giovanni Scapagnini, Uni Molise) è stata una formula composta da quattro elementi più uno: la dieta Zona (dieta antinfiammatoria per eccellenza), gli omega-3, i polifenoli e un’attività fisica costante, oltre a una vita con un regime di stress controllato e una vita sociale attiva anche in età avanzata. Il segreto per vivere meglio e più a lungo. (Alessio Pappagallo)

Una cena a ritmo di jazz
Una cena a ritmo di jazz