VINI ORANGE UN LEGAME TRA TRADIZIONE E NATURA

Categorie APPUNTAMENTI & NEWS, CITTA', FOOD & DRINK, MARE

VINI ORANGE

UN LEGAME TRA TRADIZIONE E NATURA

VINI ORANGE UN LEGAME TRA TRADIZIONE E NATURA
VINI ORANGE
UN LEGAME TRA TRADIZIONE E NATURA

Il 26 aprile, Piazza Manzioli, collocata nel centro storico di Isola (Slovenia), una piccola cittadina sulla costa slovena del mare Adriatico, diverrà palcoscenico dell’ottava edizione dell’Orange Wine Festival. Si tratta di un’iniziativa importante, un evento gastronomico di portata internazionale, che mette in primo piano i vini orange. Oltre 60 produttori provenienti da sette paesi proporranno i propri vini bianchi macerati.

VINI ORANGE UN LEGAME TRA TRADIZIONE E NATURA
VINI ORANGE
UN LEGAME TRA TRADIZIONE E NATURA

A presentarsi a Isola con i propri vini arancioni saranno sia i pionieri di questo tipo di produzione, sia i loro colleghi più giovani. Il maggior numero di viticoltori proviene dalla Slovenia, a cui si aggregano i produttori che arrivano da Italia, Austria, Croazia, Ungheria, Georgia e Serbia.

Per i vini bianchi macerati si sono affermati nomi diversi, quali vini arancioni o ambrati, il che è dovuto al colore intenso, frutto di un peculiare processo di vinificazione, durante il quale la vinaccia delle bacche di uva bianca viene tenuta a contatto con il mosto durante la fase di fermentazione e macerazione. La percentuale di chi intraprende la strada degli orange è bassa nel settore enologico mondiale, ma resta un importante nicchia nella produzione vinicola. Infatti, sono sempre più numerosi i viticoltori o produttori che scelgono di fare ritorno alle origini e alla natura.

VINI ORANGE UN LEGAME TRA TRADIZIONE E NATURA
VINI ORANGE
UN LEGAME TRA TRADIZIONE E NATURA

Tra loro i pionieri dei concetti di ecosostenibilità, che hanno sempre più sostenitori, soprattutto tra le nuove generazioni di viticoltori. È l’approccio biodinamico di produzione che attira un pubblico sempre maggiore, i cui principi di naturalità vengono accolti sia da esperti amanti del vino sia dai giovani, che entrano nel mondo enologico da una porta arancione.

I produttori che presentano i loro vini all’Orange Wine Festival sono impegnati a rispettare i principi di produzione. Questi ultimi dettano una coltivazione naturale e biologica delle uve, che dopo essere state raccolte manualmente, vengono spostate in cantina, dove l’intervento dell’uomo è minimo e la macerazione non è più breve di 36 ore. Il contenuto di zolfo invece, non deve superare la metà del valore consentito dai parametri dell’UE, indicato per i vini ecologici.

VINI ORANGE UN LEGAME TRA TRADIZIONE E NATURA
VINI ORANGE
UN LEGAME TRA TRADIZIONE E NATURA

Assieme ai viticoltori, a Isola si presenteranno anche i ristoratori che offriranno le più squisite specialità e che condividono lo stesso rapporto genuino con la natura. I visitatori potranno così assaggiare eccellenti salumi, olio d’oliva, branzini del Golfo di Pirano, specialità del mare della Dalmazia, formaggi e molti altri stuzzichini, realizzati da abili maestri della cucina.

Il biglietto d’ingresso all’ Orange Wine Festival ammonta a 40 euro. Il prezzo comprende un bicchiere da vino, la degustazione di vini e dell’offerta gastronomica, nonchè all’arrivo un succulento spezzatino con la polenta, per darvi vigore.

Per ulteriori informazioni:info@orangewinefestival.si

VINI ORANGE UN LEGAME TRA TRADIZIONE E NATURA
VINI ORANGE
UN LEGAME TRA TRADIZIONE E NATURA